Monte Sant’Angelo, villetta trasformata in serra di marijuana e illuminata gratis: un arresto

Monte Sant’Angelo, villetta trasformata in serra di marijuana e illuminata gratis: un arresto

MONTE SANT’ANGELO – Il ventinovenne sipintino Francesco Altomare e’ stato arrestato dai carabinieri di Manfredonia per produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica.
L’uomo nascondeva nella sua villetta quasi un chilo e mezzo di “maria” già pronta per la cessione a tossicodipendenti, nonché piante di marijuana “in lavorazione”.  L’ abitazione si trova in località Ruggiano di Monte Sant’Angelo, zona montagnosa ove molti manfredoniani possiedono seconde case per trascorrere i weekend.
Tutto è nato dai movimenti sospetti che i militari avevano notato da tempo nella casa di montagna affittata da alcuni mesi dal giovane. Un viavai anomalo, che ha spinto i carabinieri ad eseguire un bliz.
All’interno della villetta è stata scoperta una vera e propria serra di marijuana, dotata di apparati tecnologici di ultima generazione per far crescere la “maria”, con un efficiente sistema di areazione, irrigazione e lampade alogene per la coltivazione, inoltre è stato anche recuperato un considerevole quantitativo di marijuana essiccata.
Durante le perquisizioni, oltre allo stupefacente pronto per lo spaccio, gli investigatori hanno trovato tutto l’occorrente sia per la coltivazione scientifica delle piante (concimi di vario genere e strumentazione per la misurazione di umidità e temperatura), che per preparare e confezionare la droga.
Lo stupefacente, le piante e tutta l’apparecchiatura sono stati sottoposti a sequestro penale.
Inoltre, e’ stato accertaro che l’intero locale e la serra erano ‘illuminati’ gratis grazie ad un allaccio abusivo dell’impianto elettrico alla rete di pubblica distribuzione, per un ammanco quantificato in oltre 7mila euro.

 

S1440004 S1440006 S1440005
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display