Monteleone di Puglia, l’11 giugno incontro-dibattito: “Via Herculea: identità e progettualità”

Monteleone di Puglia, l’11 giugno incontro-dibattito: “Via Herculea: identità e progettualità”

MONTELEONE DI PUGLIA – All’evento in programma domenica 11 giugno a Monteleone di Puglia, territorio di confine, tra la Campania, la Puglia, la Basilicata e la Calabria, terra storicamente di transiti, di passaggi umani (dissenzienti religiosi) e non solo umani (armentizia transumante), insieme per la prima volta, istituzioni appartenenti a provincie e regioni diverse. Gli interventi previsti, seguiti da dibattito, metteranno a fuoco la comune identità e indirizzi per una possibile progettualità dell’area del Sistema Via Herculea, intesa come la rete dei comuni dell’Avellinese e del Foggiano che hanno sedimentato per millenni una comune appartenenza all’economia della transumanza e scambiato merci usando una grande via romana ad essa di supporto: l’Herculea realizzata nel terzo secolo dopo Cristo e le sue innumerevoli perpetuazioni. L’idea è di unire le enormi risorse antropologiche sedimentatesi per millenni intorno a questa particolarità e, cogliendo la metafora per cui fu realizzata la Herculea, cercare di far uscire dalla marginalità questi comuni relegati geograficamente ai margini delle provincie di appartenenza e della grande viabilità con un progetto di “rete” che attinga ad antiche risorse ma anche ad un nuovo possibile territorio. Dopo i saluti del sindaco di Monteleone di Puglia Giovanni Campese e del presidente dell’Università Popolare dell’Irpinia dottore Michele Ciasullo, relazioneranno gli archietetti Giovanni Luigi Panzetta e Mario Festa, soci fondatori dell’associazione culturale “Via Herculea”. Seguiranno gli interventi dell’ingegnere Carmine Famiglietti, presidente della Comunità Montana della Valle dell’Ufita e del dottore Alberto Caloria, presidente del Gal Meridaunia. I lavori saranno moderati dal prefessore Salvatore Salvatore, presidente in carica dell’Associazione Culturale Vicatim.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+