Orsara di Puglia, fanno saltare sportello bancomat e si danno alla fuga: un arresto dopo inseguimento

Orsara di Puglia, fanno saltare sportello bancomat e si danno alla fuga: un arresto dopo inseguimento

ORSARA DI PUGLIA – Nella notte di sabato 4 febbraio, intorno alle 3, ignoti malfattori hanno fatto saltare, con l’uso di esplosivo, il bancomat della Banca Popolare di Milano, per poi allontanarsi a bordo di una Fiat Stilo di colore grigio. Grazie alle tempestive segnalazioni telefoniche al 112 di alcuni residenti che, svegliati di soprassalto dal boato avevano fatto in tempo a vedere i responsabili allontanarsi, in pochi minuti i carabinieri sono riusciti a intercettare la Stilo lungo la Strada provinciale 110. Da qui ne è nato un rocambolesco inseguimento, durato una trentina di chilometri, lungo i quali i fuggitivi hanno tentato in ogni modo di disfarsi degli inseguitori, lanciando contro la loro auto chiodi a tre punte, l’ariete artigianale che avevano usato poco prima per abbattere la porta di ingresso della banca. L’inseguimento è continuato  fino a quando i fuggiaschi non si sono trovati la strada bloccata da un’altra pattuglia, fatta convergere in ausilio dalla centrale operativa.
A questo punto i tre malviventi, abbandonata l’auto, hanno proseguito la fuga a piedi, favoriti dal buio, nelle campagne circostanti. Qui è iniziato subito un rastrellamento, che ha infine permesso di bloccare uno dei malviventi, Di Stasio Mario, 47enne di Orta Nova, con precedenti per furto, rapina e detenzione di esplosivi.
A bordo dell’auto abbandonata, risultata rubata a Ordona lo scorso 2 febbraio, è stata recuperata la refurtiva, consistente in ottomila euro, un passamontagna e un berretto di lana. Di particolare interesse investigativo sono subito apparse le targhe tedesche che erano state applicate, risultate intestate ad una Porsche Cayenne, il cui furto era stato invece denunciato ad Andria nel dicembre dell’anno scorso, e già segnalata per episodi analoghi. Di Stasio, tratto in arresto, è stato condotto presso la casa circondariale di Foggia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display