Poggio Imperiale, ucciso piccolo imprenditore di Apricena

Trovato morto nelle campagne a ridosso del paese, gestiva azienda di autospurgo

 

 

POGGIO IMPERIALE – Un apricenese di 57 anni, Angelo Radatti, è stato trovato ucciso nelle campagne di Poggio Imperiale. L’uomo, originario di San Marco in Lamis, incensurato e titolare di un’impresa di autospurgo nel paese ai piedi del Gargano, era scomparso da ieri mattina e i familiari avevano denunciato l’insolita assenza ai carabinieri della locale stazione anche perché nella serata di ieri aveva disertato un incontro con gli amici per andare a ballare.
L’uomo è stato ucciso con diverse coltettale all’addome e al torace; non è da escludere che la morta possa risalire proprio a ieri mattina, cioè al momento della scomparsa. A dare l’allarme pare sia stato un contadino che ha allertato i militari dell’Arma dopo aver visto il cadavere in una Fiat “Punto” parcheggiata sul ciglio della strada nei pressi dell’ex Macello, nel cuore del bacino marmifero. Molto probabilmente Radatti aveva dato appuntamento a qualcuno e l’incontro potrebbe essere degenerato. Sul posto i carabinieri del nucleo operativo di Foggia, della compagnia di San Severo e della locale stazione nonché i vigili del fuoco che, con le fotoelettriche, stanno illuminando la zona per facilitare il lavoro degli inquirenti. Radatti era sposato e aveva quattro figli.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+