Rieti, svaligiavano depositi di alimentari: in manette otto foggiani

Nell’ultimo colpo i carabinieri hanno recuperato refurtiva per 200mila euro

RIETI – Ci sono otto foggiani tra i componenti della banda di ladri arrestata dai carabinieri di Rieti. Da mesi il gruppo criminale metteva a segno furti in depositi di alimentari, elettrodomestici, detersivi, in numerose zone dell’Italia centro meridionale. Dieci le persone finite in manette: due residenti a Foggia, cinque ad Orta Nova, una a Cerignola, una a Seregno (Milano) e una a Cervia (Ravenna). La tecnica era curata in ogni dettaglio: i ladri non utilizzavano telefonini e agivano con la massima attenzione. L’operazione è stata denominata “pit-bull”, proprio per le attenzioni adottate dalla banda di ladri professionisti. I dieci malviventi, sui quali da tempo i carabinieri di Cittaducale avevano avviato indagini, sono ritenuti responsabili del furto di un ingente quantitativo di salumi avvenuto lo scorso mese di agosto ai danni di una ditta di Accumoli. Nell’ultima irruzione, servendosi di tre auto di grossa cilindrata e due autocarri, la banda ha raggiunto la zona industriale di Perugia, mettendo a segno due furti ai danni di altrettante ditte: una specializzata nella lavorazione di prodotti dolciari e una nella produzione di detersivi, da dove hanno rubato merce per un valore di oltre 200mila euro. Terminato il colpo si sono poi disperdersi a raggiera lungo le principali arterie stradali che collegano il capoluogo umbro alla Puglia, sia sul versante adriatico, su quello tirreno e lungo la dorsale appenninica. Ma sono stati bloccati dai carabinieri. Alcuni a Porto San Giorgio lungo l’autostrada A14, altri lungo l’autostrada A25 prima di arrivare a Pescara, altri ancora lungo l’autostrada A16 Napoli – Bari e gli ultimi a Foggia, recuperando l’intera refurtiva, trasportata con due autoarticolati, poi restituita ai legittimi proprietari. 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+