San Ferdinando, carciofo: prezzi in picchiata

De Leonardis chiede l’intervento della Regione

carciofi

SAN FERDINANDO DI PUGLIA – “Il crollo del prezzo dei carciofi da mercato e carciofini da industria è un ulteriore aspetto della crisi sempre più acuta di un comparto che necessita di attenzioni e aiuti concreti a ogni livello, e non può essere abbandonato al suo destino, insieme a numerosi produttori, braccianti, a quanti sono impegnati nella lavorazione e commercializzazione e alle loro famiglie”.  Giannicola De Leonardis, presidente della settima Commissione affari istituzionali della Regione Puglia, sollecita “l’assessore all’agricoltura, Fabrizio Nardoni a intervenire per affrontare una situazione ormai ampiamente critica, data la concorrenza spietata e la massiccia importazione di analoghi prodotti in particolare dall’Egitto, dal Marocco, dalla Tunisia, a prezzi stracciati ma senza le garanzie di qualità e sicurezza alimentare che pure dovrebbero essere fondamentali e imprescindibili per competere sui mercati internazionali. La discesa fino a 2 centesimi del prezzo del prodotto” sottolinea De Leonardis “avrà come drammatica conseguenza la mancata raccolta dalle nostre parti, e una paralisi generalizzata che occorre invece scongiurare. Per questo, le imprese vanno sostenute prima che sia troppo tardi, a meno di non considerare questo ‘prodotto di Puglia’ di serie B rispetto ad altri più pubblicizzati e valorizzati, pur non potendo vantare analoghi volumi e fatturati. E allertando e sollecitando le Asl per i doverosi controlli anche sui prodotti provenienti dai mercati esteri, per tutelare la salute dei consumatori e chi opera nel rispetto delle regole” la sua conclusione.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+