San Giovanni Rotondo, 150mila euro per la valorizzazione delle miniere di Bauxite

San Giovanni Rotondo, 150mila euro per la valorizzazione delle miniere di Bauxite

SAN GIOVANNI ROTONDO – E’ di 150mila euro, per l’anno 2017, la dotazione finanziaria della Regione Puglia per le attività di valorizzazione del patrimonio di archeologia industriale. «Finalmente abbiamo dato sostanza e dotazione finanziaria alla Legge regionale n.1 del 27 gennaio 2015, relativa alle attività di valorizzazione del patrimonio di archeologia industriale. Si tratta di un risultato importante perché siamo riusciti a estendere i riferimenti al patrimonio materiale e immateriale dei siti destinati all’attività estrattiva di bauxite a San Giovanni rotondo, Spinazzola e Otranto», afferma Napoleone Cera, presidente Gruppo Popolari della Regione Puglia, che ha presentato un emendamento inserito nelle disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2017.
In Italia esistono pochi esempi di valorizzazione sistematica dell’archeologia industriale, quasi assente nel Mezzogiorno, dove pure insistono insediamenti di grande interesse storico e culturale, come nel caso dei siti minerari di bauxite della Puglia. Sono tre i siti pugliesi interessati:  San Giovanni Rotondo, dove recentemente Vasco Rossi ha girato alcune scene del suo ultimo videoclip “Un mondo migliore”, Spinazzola e Otranto. Sono i luoghi unici dell’archeologia industriale pugliese e meridionale, perché per quasi 40 anni hanno rappresentato un punto di riferimento nell’attività estrattiva di bauxite.
«Le miniere del Gargano, Murgia e Salento possono diventare una rete di sviluppo del patrimonio materiale e immateriale della Puglia e un esempio integrato di archeologia industriale che potrebbe aprire una nuova prospettiva di sviluppo del territorio regionale ed espansione dei flussi legati al turismo culturale, ambientale ed escursionistico», conclude Napoleone Cera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+