San Giovanni Rotondo, sfruttamento del lavoro: arrestato 37 maliano e denunciata proprietaria del fondo

San Giovanni Rotondo, sfruttamento del lavoro: arrestato 37 maliano e denunciata proprietaria del fondo

SAN GIOVANNI ROTONDO – I carabinieri nella mattinata di giovedi scorso, al termine di un complesso servizio di osservazione e pedinamento protrattosi per oltre 10 giorni nelle campagne del tavoliere al confine con i territori garganici, finalizzato al contrasto dell’odioso fenomeno del “caporalato”, che vede lavoratori stranieri, in forte stato di bisogno, sfruttati  in condizioni precarie e assolutamente senza i minimi requisiti previsti dalla normativa di settore, hanno arrestato in flagranza di reato Senou Mohamoudou, 37enne maliano, senza fissa dimora, ritenuto responsabile di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

I carabinieri, ormai a perfetta conoscenza degli orari e dei luoghi di raccolta della manovalanza, di primissima mattina sono intervenuti al termine dell’ultimo pedinamento quando il furgone, ridotto in condizioni di assoluta inaffidabilità sotto il profilo della sicurezza e anche privo di copertura assicurativa, utilizzato quotidianamente per il trasporto degli extracomunitari, è giunto, come tutte le mattine precedenti, nel fondo agricolo, posto ai confini dei territori comunali di San Marco in Lamis e Foggia, di proprietà di P. N., 67enne di San Giovanni Rotondo.

Dagli accertamenti effettuati è subito apparso inequivocabile lo stato di assoggettamento dei lavoratori nei confronti del maliano, che peraltro riceveva le loro paghe dalla proprietaria per poi distribuirle loro, al netto però delle “trattenute” per le spese di trasporto, tenendo quindi cinque euro per lavoratore dai quattro all’ora che a fine giornata spettavano. Lo stato di bisogno è stato invece dimostrato dalle miserrime condizioni alloggiative nelle quali i lavoratori trascorrevano le poche ore di riposo, in un rudere privo dei più necessari servizi.

Al termine degli accertamenti Senou è stato portato al carcere di Foggia, mentre alla datrice di lavoro, che risponderà del concorso nello stesso reato, sono anche state contestate violazioni in materia di sicurezza sul lavoro, con relative sanzioni per un totale di circa 17.000 euro.

Il furgone utilizzato dall’arrestato è stato sottoposto a sequestro penale, e sono in corso approfondimenti tecnici per verificarne la provenienza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display