San Nicandro Garganico, vittima di estorsione denuncia tutto ai carabinieri: tre arresti

San Nicandro Garganico, vittima di estorsione denuncia tutto ai carabinieri: tre arresti

SAN NICANDRO GARGANICO – I carabinieri hanno arrestato tre persone: Nazario Antonio Ciavarella (1986); Matteo Salvatore Gualano (1990); Angelo di Trizio (1980), tutti di San Nicandro Garganico, ritenuti responsabili di estorsione aggravata continuata in concorso.

Le indagini dei carabinieri erano iniziate nel marzo scorso, a seguito della denuncia presentata presso il comando stazione di San Nicandro Garganico da un uomo che aveva raccontato di essere vittima da più di un mese di continue vessazioni e richieste di denaro da parte di tre soggetti.

In particolare il denunciante riferiva che i tre individui si erano presentati presso la sua abitazione nel gennaio scorso, sostenendo che uno dei fratelli della vittima, affetto da patologie psichiche, avesse loro sottratto delle dosi di sostanza stupefacente e che pertanto lui avrebbe dovuto risarcirli, altrimenti ne avrebbe pagato le conseguenze.

La vittima aveva ceduto alla prima richiesta consegnando 50 euro nelle loro mani. Da quel momento gli estorsori sono tornati a presentarsi ogni quattro giorni circa, adducendo ogni volta sempre nuove pretese nei confronti della vittima e pretendendo la consegna di altro denaro.

In una circostanza anche il secondo fratello, anch’egli con deficit mentale, era stato avvicinato dai tre individui e costretto sotto la minaccia di morte a consegnare altre somme. Proprio nel corso di questo episodio il denunciante, dopo essersi nascosto in bagno, aveva potuto registrare sul suo cellulare le minacce e le pretese che i tre uomini stavano compiendo verso il fratello.

Le indagini dei carabinieri, condotte attraverso escussione di testimoni, riconoscimenti fotografici e servizi di pedinamento, hanno quindi consentito di ricostruire diversi episodi estorsivi ai danni dei tre fratelli.

Due degli odierni arrestati sono stati raggiunti all’alba presso le loro rispettive abitazioni a San Nicandro Garganico, mentre il terzo è stato localizzato alle isole Tremiti e catturato dai militari della locale stazione.

Per tutti e tre, condotti presso il carcere di Foggia, l’accusa è di estorsione aggravata in concorso.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display