San Nicandro, reclutava stranieri per la lavorazione della droga in un casolare: un arresto

San Nicandro, reclutava stranieri per la lavorazione della droga in un casolare: un arresto

SAN NICANDRO GARGANICO – I carabinieri hanno arrestato Vincenzo Cipriani, classe 1975, di San Nicandro Garganico, con precedenti di polizia.
Il provvedimento è stato emesso sulla base di numerosi elementi raccolti dai militari nell’ambito delle indagini condotte a seguito del blitz dell’ottobre scorso, quando i militari scoprirono un vero e proprio laboratorio per la preparazione della marijuana.
In ottobre infatti i militari avevano scoperto, in una zona impervia del comune di San Nicandro Garganico, un casolare ormai in disuso da anni, i cui locali erano stati allestiti con tutto il necessario per l’essicazione ed il confezionamento della droga.
Le indagini, condotte per alcuni giorni con ripetuti servizi di pedinamento e osservazione, avevano permesso ai carabinieri di individuare un gruppo di cittadini stranieri che dimoravano nel territorio di Lesina, i quali ogni giorno si riunivano la mattina attendendo l’arrivo di un furgone bianco sul quale salivano per recarsi in San Nicandro, per fare poi ritorno a Lesina solo in tarda serata. Il fatto aveva insospettito i militari che avevano localizzato la masseria dove gli stranieri si recavano. Nel corso della perquisizione all’interno dello stabile furono rinvenuti circa 600 arbusti di Cannabis Sativa, 20 chili circa di marijuana già essiccata e pronta per il confezionamento nonché un fucile da caccia risultato provento di furto, e dalle analisi di laboratorio effettuate, veniva stabilito che dai circa 600 chili complessivi di droga sequestrata, si sarebbero potute ricavare circa 430.000 dosi, per un valore di oltre 2 milioni di euro.
Dopo il blitz, che portò all’arresto di 7 cittadini stranieri, i militari hanno proseguito nelle indagini dalle quali è emerso che non soltanto l’immobile adibito a laboratorio era in uso a Cipriani, ma che era lui stesso a reclutare e condurre i cittadini stranieri presso la masseria, nonché a dar loro precise istruzioni su come comportarsi e cosa dire in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine. Sulla base di quanto emerso, l’autorità giudiziaria ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare. L’uomo, tradotto presso il carcere di Foggia, dovrà rispondere di produzione e detenzione di sostanza stupefacente, nonché di ricettazione di arma da fuoco clandestina.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display