San Severo, al “Carpino Folk Festival” sul treno delle Ferrovie del Gargano

San Severo, al “Carpino Folk Festival” sul treno delle Ferrovie del Gargano

SAN SEVERO – La ventunesima edizione del primo grande festival pugliese della musica popolare e delle sue contaminazioni si mette in viaggio sabato 6 agosto con tre suggestivi appuntamenti legati alla mobilità lenta in cui il treno delle Ferrovie del Gargano da mezzo di trasporto diventa palcoscenico grazie agli storytellers selezionati dal direttore artistico della manifestazione, Luciano Castelluccia.
Si parte, quindi, con “Cantar Viaggiando” e il treno-tram delle Ferrovie del Gargano da San Severo direzione Gargano con tre appuntamenti previsti dal 6 all’8 agosto. Si tratta di performance sperimentali realizzate appositamente per il Carpino Folk Festival. All’etnomusicologo Salvatore Villani che col canto, chitarra battente, liuto, organetto toccherà declinare l’anima del Gargano attraverso il racconto dell’esperienza vissuta a contatto con cantori e suonatori tradizionali che hanno lasciato un segno indelebile nella sua formazione musicale e umana. Ma è anche il racconto di luoghi, fatti e personaggi che appartengono alla memoria collettiva e che si snodano in questo viaggio lungo la ferrovia, coniugando il passato e il presente. Un racconto dialogico, assieme all’amico Gino Annolfi, in cui la voce cantata, accompagnata da sonorità strumentali minime, diventa protagonista per la giusta attinenza ai diversi contesti esecutivi. Seguirà “Mamma Quante Storie! Favole in ambulatorio, in treno, e in piazza” ideato da Andrea Satta pediatra di base nella periferia di Roma e cantante dei Têtes de Bois, che da circa sette anni, una volta al mese, organizza ‘la giornata delle favole’, chiedendo alle mamme di tutte le nazionalità di raccontare la fiaba con cui si addormentavano da piccole. Satta per l’occasione sarà accompagnato dal musicista e compositore Angelo Pelini e dalla curatrice e conduttrice Radio Rai, la lucana, Timisoara Pinto. Infine concluderà la tre giorni il cantautore e musicista Ciro Iannacone con il “Il fischio del mio treno” che descriverà il suo Gargano attraverso le proprie canzoni ed alcuni canti della tradizione popolare in chiave personalizzata. Elementi di creatività nelle ferrovie locali per promuovere  un turismo attento alla lentezza, per favorire una migliore e più sicura mobilità collettiva e godere a pieno degli squarci di bellezza straordinaria di cui è pieno il Gargano.
Il successo dell’iniziativa negli anni scorsi è andato ben oltre le aspettative ed ha soddisfatto sia color che sono saliti sul treno per raggiungere il Carpino Folk Festival sia i turisti ignari in arrivo sul Gargano a cui il tutto è sembrato una sorta di festa dell’accoglienza dal momento che, oltre alla musica e ai cunti, vengono offerte degustazioni gratuite di prodotti agroalimentari locali.
Appuntamento, quindi, al 6-7-8 agosto prossimo a San Severo col treno del Gargano in partenza alle ore 20.03. Il menù curato da Alessandro Iacubino prevede “Legami, legumi e tradizioni…” – Viaggio alla scoperta dei primi piatti dell’orto garganico; “Pecorino amore mio” – Degustazione di formaggi locali; Selezione di vini in assaggio proposti da “Daunia Enoica”: Cantina Ariano, Cantina Antonio Pisante e Antica Cantina San Severo.
In occasione del Carpino Folk Festival 2016, negli orari notturni i treni delle Ferrovie del Gargano saranno integrati con autobus speciali che faranno da spola da Carpino alla stazione di Carpino per consentire il deflusso di quanti si recheranno nel centro garganico per assistere agli spettacoli in programma il 9 e 10 Agosto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+