San Severo, danneggiarono casa di un farmacista: presi

San Severo, danneggiarono casa di un farmacista: presi

SAN SEVERO – Hanno un volto gli autori dell’attentato dinamitardo ai danni di un farmacista di Poggio Imperiale. I fatti risalgono a maggio scorso quando il piccolo centro dauno era stato svegliato nella notte da un forte boato. L’ordigno era stato piazzato davanti al portone del titolare della farmacia cittadina e aveva danneggiato anche gli infissi di alcune abitazioni adiacenti quella della vittima. Da qui partivano le indagini dei carabinieri, rese ancor più complesse dalle cautele messe in atto dai malviventi che utilizzavano, per le richieste estorsive, cabine telefoniche dislocate fuori provincia, evitando di fatto di incontrare la vittima di persona. E’ stato possibile risalire all’identità degli estorsori grazie alle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza che inquadravano i luoghi dai quali partivano le richieste estorsive. Durante un’attività di pedinamento e controllo i due malviventi sono stati presi in flagranza di reato, avendo effettuato pochi istanti prima una telefonata nella quale chiedevano alla vittima di preparare 30.000 euro. In quella circostanza l’intervento dei militari impediva che l’estorsione fosse portata a compimento e forniva ulteriori prove contro i due responsabili. A seguito di questi avvenimenti i carabinieri, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, hanno arrestato Luigi Nardella, di anni 45, e Christian Angelo Renzulli, di anni 36, originari di San Severo, che dovranno rispondere dei reati di concorso aggravato in danneggiamento, detenzione e porto di materiale esplosivo e tentata estorsione. Entrambi sono stati tradotti nel carcere di Foggia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display