San Severo, due arresti per coltivazione e detenzione di stupefacenti

San Severo, due arresti per coltivazione e detenzione di stupefacenti

SAN SEVERO – La polizia, durante l’ultimo fine settimana, nell’ambito di due distinti interventi, ha tratto in arresto Costantino Pertosa, nato a San Severo, ma domiciliato a Chieuti (classe 1977) per coltivazione di sostanza stupefacente, e  Francesco Paolo Conte (classe 1954) per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Gli arresti scaturiscono da una mirata attività di prevenzione sul territorio, tesa a contrastare il diffuso fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, tanto più accentuato nel periodo estivo.
Il Pertosa è stato sorpreso in flagranza di reato nei pressi di Serracapriola, dove stava innaffiando una vera e propria piantagione di marijuana, composta da circa 1000 piantine, per un peso complessivo di circa 60 chili, su di un’area di 1500 metri quadrati, attrezzata con un sofisticato impianto di irrigazione. Le piantine si presentavano di varie misure, una buona parte di queste erano pronte per essere raccolte, avendo raggiunto circa 2,80 metri di altezza. Da una prima stima si può ragionevolmente sostenere che la sostanza avrebbe fruttato oltre centomila euro.
Francesco Paolo Conte è stato arrestato perché nella sua abitazione sono stati rinvenuti circa 7,5  chili di sostanza stupefacente nascosti in due distinti borsoni, nella sua camera da letto. Si tratta di sostanza di vario tipo:  eroina, marijuana e numerosi panetti (circa 70) di hashish e circa 300 ovuli sempre di hashish, il tutto perfettamente imballati con cellophane termosigillato.
Il Pertosa è stato associato presso la casa circondariale di Foggia, mentre Conte è stato posto agli arresti domiciliari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display