San Severo, erano diventati il terrore della città: fermati quattro rapinatori

Le indagini hanno preso il via il 13 settembre scorso, dopo la rapina ai danni della tabaccheria in viale 2 giugno

sgominatabandadeditaallerapine 

 

SAN SEVERO Erano diventati il terrore della città. Diverse rapine messe a segno, altre in progetto, tra cui un assalto ad un furgone portavalori. Sgominata la banda di quattro giovanissimi, grazie ad un’operazione congiunta di carabinieri e polizia. I fermati sono Moreno Di Matteo, 23enne, Giovanni Russi, 20enne, Daniele Guerrieri, 24enne e Raffaele Bonaventura, 20enne. Sono accusati di concorso in rapina aggravata, tentata rapina aggravata, detenzione e porto illegale di arma, lesioni personali volontarie, danneggiamento seguito da incendio e ricettazione. La Procura di Foggia ha emesso i quattro fermi a fronte di un quadro indiziario estremamente dettagliato che ha consentito di ricostruire la pianificazione criminale del gruppo. Le indagini hanno preso il via il 13 settembre scorso, dopo la rapina ai danni della tabaccheria in viale 2 giugno che ha fruttato oltre 20mila euro. Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno scoperto che i quattro avevano organizzato anche una rapina, poi andata a vuoto, ad un commerciante di San Severo, quando si doveva recare alla sua banca per versare il denaro incassato dalla sua attività.  A colpire gli inquirenti l’estrema cruenza con cui il gruppo programmava nuovi colpi. La gang aveva un vero e proprio covo in località “Santo Spirito”, nel quale sono stati rinvenuti passamontagna e parrucche per travisarsi durante le rapine e alcuni proiettili calibro 38.

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+