San Severo, in migliaia per dire no alla criminalità

San Severo, in migliaia per dire no alla criminalità

SAN SEVERO – “Svegliati San Severo”, con questo slogan migliaia di cittadini sanseveresi hanno aderito alla manifestazione, contro la criminalità e le prepotenze, organizzata dall’Epicentro giovanile guidato da don Nico D’Amicis. Tanti i cittadini che con la loro presenza hanno voluto mostrare che San Severo non è solo bombe e delinquenza. A dire no alla criminalità anche il sindaco Francesco Miglio con la sua amministrazione, sacerdoti, parrocchie, commercianti, famiglie, scuole, associazioni di categoria e tanti giovani che si sono riversati in strada per manifestare e per dare visibilità al desiderio di cambiamento che c’è, nella stragrande maggioranza dei sanseveresi.
Il lungo corteo è partito da piazza Incoronazione alle ore 19:30 ed è terminato a piazza Allegato. Preziosa la testimonianza di Davide Cerullo, di Scampia, un tempo appartenente alla criminalità organizzata ed ora impegnato nel sociale soprattutto in progetti educativi a favore dei bambini. Molte le attività commerciali che hanno abbassato la saracinesca al passaggio del corteo o che addirittura hanno chiuso per potervi prendere parte. Questa non è una conclusione, ma una risposta forte alla malavita, un dato che fa ben sperare in una San Severo migliore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display