San Severo, partono i controlli del Comune per il corretto conferimento dei rifiuti

San Severo, partono i controlli del Comune per il corretto conferimento dei rifiuti

SAN SEVERO – La frazione organica della raccolta dei rifiuti urbani della città, la cosiddetta Forsu viene conferita agli impianti di compostaggio di Deliceto e di Lucera. A causa della chiusura dell’impianto convenzionato lucerino, l’Amministrazione comunale, con notevoli difficoltà, è riuscita a stipulare un contratto con il Consorzio Intercomunale del Vastese per conferire parte dell’umido prodotto all’impianto di Cupello, in provincia di Chieti.
Spesso nell’umido vengono a trovarsi frazioni di materiali non biodegradabili con la conseguenza che i carichi di Forsu portati a Cupello vengono respinti perché praticamente risultano rifiuti indifferenziati da conferire a discarica autorizzata. Il blocco dei conferimenti della Forsu crea gravi problemi per il corretto svolgimento del Servizio di Igiene Urbana, sia per il blocco temporaneo dei mezzi di trasporto sia per i maggior oneri di conferimento a discarica dell’umido sporco di frazioni estranee che lo rendono intrattabile negli impianti di compostaggio.
“Siamo in emergenza – dichiarano il sindaco Francesco Miglio e l’assessore all’Igiene Urbana Raffaele Fanelli –  per cui occorre avviare immediatamente ogni possibile azione per il miglioramento della qualità dell’umido. Nei prossimi giorni i responsabili comunali del servizio Igiene Urbana, di concerto con il comando della Polizia Locale, avvieranno controlli diffusi sul corretto conferimento dei rifiuti da parte delle utenze, ed in particolare della Forsu, con l’ausilio delle associazioni di volontariato. L’iniziativa è tesa alla sensibilizzazione dei cittadini per la  corretta selezione ed il conferimento dei rifiuti ”.
Dai prossimi giorni il personale addetto alla raccolta dei rifiuti non ritirerà i sacchetti difformi  e segnalerà agli organi di controllo la difformità per l’applicazione delle sanzioni previste dal Regolamento di Igiene Urbana.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+