San Severo, pini abbattuti su viale 2 giugno: protesta anche il Wwf

Chiesta la verifica del finanziamento, incombe lo spettro della revoca?

 f2

SAN SEVERO – Continua a tenere banco a San Severo l’abbattimento dei pini su viale 2 giungo. Scende in campo anche il Wwf Foggia, che chiede la verifica del finanziamento da parte della Regione Puglia. Incombe lo spettro della revoca? “Nonostante la mobilitazione contraria della gente e delle associazioni – si legge nella nota del Wwf – l’Amministrazione comunale non si è fermata ed ha proceduto con gli abbattimenti. Non è stata ascoltata neanche La Regione Puglia che, con una tempestiva nota del 25 giugno, ha chiesto al sindaco e al dirigente responsabile del procedimento la sospensione dei lavori e chiarimenti sul taglio dei pini, evidenziando che gli elaborati, presentati dal Comune per ottenere i finanziamenti del progetto di Rigenerazione urbana, non prevedono l’abbattimento di alberi ma semmai l’ integrazione con altre piante”. Per il Wwf Foggia, è inaccettabile quanto è accaduto e sta accadendo a San Severo “dove si assiste ad un Ente comunale sordo alle istanze provenienti dalle realtà ambientaliste e da  tanti cittadini”. Secondo il Wwf  “ciò che è ancor più grave è che non si sia rispettata la richiesta di sospensione delle operazioni d’abbattimento provenienti dal competente ufficio della Regione Puglia, che quel progetto di rigenerazione urbana ha finanziato”.