San Severo, toto-sindaco: Sderlenga contro Di Monte

Il consigliere contro l’assessore: “Si veste da menestrello e dimentica tante cose”

 

SAN SEVERO – Non va gù al consiglire comunale Francesco Sderlenga il “passo in avanti” dell’assessore all’urbanistica Leonardo Di Monte che, sulle pagine della “Gazzetta del Mezzogiorno”, ha ricandidato il sidnaco Gianfranco Savino per le prossime amministrative di giugno. “L’assessore Di Monte afferma con slogan il “pagamento di debiti”; i “progetti e i cantieri”; “l’Amministrazione parsimoniosa”, ed alla fine con un lapsus freudiano conclude che “il nostro compito come centrodestra dev’essere quello di allargare la coalizione e poi scegliere al suo interno il candidato sindaco”. “Credo – riprende Sderlenga – che elencare le progettualità programmatiche di chi “governa” San Severo oggi, sia una cosa molto difficile in quanto non esistono progetti veri e concreti, condotti da questa coalizione di centro destra diventata ormai come una “frattura scomposta”. Gli annunci a fase alterna, fatti dal “menestrello” o “banditore” di turno, si riferiscono a progetti che hanno una paternità diversa dagli attuali amministratori: la Rigenerazione urbana; le rotatorie; la zona PIP; la pista d’atletica; la ristrutturazione della Piastra verde, ecc. non sono “farina del proprio sacco”. E’ evidente che si tratta di bavardage, chiacchiericcio, indicatore che conferma l’incapacità di quest’Amministrazione di affrontare i veri problemi irrisolti, che non vengono nemmeno pronunciati. Poi – sottolinea Sderlenga – non parliamo della gestione amministrativa estiva, con un proliferare di delibere poco chiare e trasparenti”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+