San Severo, un arresto per usura ed estorsione

San Severo, un arresto per usura ed estorsione

SAN SEVERO – E’ accusato di usura ed estorsione Carmine Bevilacqua, 69 anni, arrestato dai carabinieri di San Severo. Le indagini sono partite a seguito della denuncia sporta dalla stessa vittima che ha raccontato di essere ormai da diversi anni sotto usura, da quando nel 2009, a causa di difficoltà economiche per le quali aveva rischiato di dover chiudere la sua azienda, si era rivolto agli strozzini per avere un prestito di 5.000 euro. Da quel giorno, la vittima avrebbe versato in contanti ogni mese al suo usuraio circa 1.000 euro, per una somma complessiva che si aggira intorno ai 100.000 euro.
Nell’ultimo periodo, non riuscendo più a pagare, aveva anche dovuto effettuare dei lavori gratuitamente per conto del suo aguzzino. Quest’ultimo, non soddisfatto, continuava con le pressanti richieste di denaro minacciando la vittima e presentandosi più volte presso la sua abitazione sempre per intimargli la consegna di altro denaro. Dal servizio di pedinamento organizzato dai militari, è stato monitorato l’incontro tra la vittima e il suo estorsore dal quale è emerso il momento in cui il primo consegnava una busta contenente 600 euro. Immediato l’intervento dei carabinieri che hanno bloccato il Bevilacqua dopo che lo stesso ha tentato di fuggire a bordo della sua auto. L’uomo è stato dichiarato in stato di arresto e tradotto presso il carcere di Foggia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display