Torremaggiore, discarica a cielo aperto in piazza Mazzina: la denuncia della Sinalp

Torremaggiore, discarica a cielo aperto in piazza Mazzina: la denuncia della Sinalp

TORREMAGGIORE – Il segretario provinciale della Sinalp (Confederazione sindacale nazionale autonoma dei lavoratori e dei sindacati), Nicola Pensato denuncia una situazione di degrado nell’ antica e storica piazza Mazzini, che  “sta diventando una discarica a cielo aperto, una spiacevole realtà che quotidianamente si presenta agli occhi di chi ci vive o ci lavora ,o di chi semplicemente vi transita”.

Per il segretario pensato “qualche ambulante rimasto per la vendita di frutta e verdura dovrebbe raccogliere l’immondizia che inevitabilmente si produce con le operazioni di vendita e, quindi, metterla nei sacchetti e rimanerla sul proprio posto di lavoro, così come la mattina gli stessi ambulanti, dopo aver scaricato la merce, per regolamento dei mercati dovrebbero spostare i loro mezzi e nvece fanno sosta continuata sul mercato”.

Poi Pensato prosegue: “I titolari di pescherie, in ottemperanza alle disposizioni emanate con la deliberazione della Giunta Regionale del 23 dicembre 2004,dovrebbero smaltire i loro scarti attenendosi ad una procedura di carattere igienico, e non, come quasi sempre accade, di buttare gli scarti là dove capita, e si dovrebbe possibilmente regolamentare Piazza Mazzini fino all’incrocio di via Giannone col parcheggio di 60 minuti dalle 8 alle 13″.

Infine il segretario della Sinalp sottolinea che “per questione igienica sanitaria non si può tenere la discarica sulle bancarelle di ferro tutti i giorni 24 ore al giorno, dove gli extracomunitari lasciano di tutto compresi rifiuti ingombranti”, chiedendo che venga attivata “una telecamera, per verificare chi di fatto si ferma con la macchina per buttare l’immondizia dove capita, così da permettere gli organi preposti di fare il loro dovere facendo delle multe per chi sbaglia e non rispetta l’ambiente” ed esortando “ i responsabili dei vari servizi comunali ad indentificare i dovuti controlli, al fine di porre rimedio a uno stato di degrado della piazza.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+