Vasto, assalto a blindato: arrestato foggiano

E’ il 36enne Matteo Morra di Cerignola, incastrato dal dna isolato su un paio di guanti e su un passamontagna

 

 

 

VASTO – Deve rispondere di concorso in tentato omicidio aggravato, rapina, detenzione e porto abusivo di armi da guerra, oltre che di ricettazione e incendio doloso, Matteo Morra, 36enne di Cerignola, arrestato dai carabinieri di Vasto (Chieti). E’ lui il quinto uomo della rapina al portavalori della società “Aquila” di Ortona (Chieti). compiuta lo scorso 14 dicembre tra i caselli di Vasto Nord e Vasto Sud dell’A14. Ad incastrarlo il dna isolato su un paio di guanti e su un passamontagna, da parte dei carabinieri del Ris di Roma. Il fermo, nella sua ditta di autodemolizioni, è giunto dopo sei giorni di osservazione e pedinamenti di alcuni familiari.

Le indagini hanno permesso di recuperare 270mila euro, oltre che sequestrare armi da guerra e proiettili. Gli altri presunti responsabili, già arrestati nei mesi scorsi, sono Vincenzo Costantino, Simone Di Gregorio, Cono Surace e Antonio Patruno. Durante le indagini era stato eseguito un altro arresto, ma per reati differenti. Il colpo fruttò al commando armato almeno 500 mila euro in contanti. Morra si torva nel carcere di Foggia, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+