Vieste, tre arresti per maltrattamenti, furto e lesioni aggravate

Vieste, tre arresti per maltrattamenti, furto e lesioni aggravate

VIESTE – I carabinieri hanno eseguito tre arresti in tre distinte operazioni.

Nella prima, i militari sono intervenuti presso un’abitazione privata in seguito ad una segnalazione di lite in famiglia, arrestando il 40enne Giuseppe Scirpoli che, in evidente stato di ubriachezza, aveva appena aggredito il padre e la sorella, provocando loro delle contusioni al volto e alle braccia. L’uomo, che già in passato si era reso protagonista di altri episodi dello stesso tenore, ha anche tentato di avventarsi contro i militari che, però, lo hanno prontamente bloccato. Scirpoli, dopo la convalida dell’arresto, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in un’abitazione diversa da quella dove risiedeva.

Nella seconda operazione, i militari hanno arrestato il 29enne Gianmichele Ciuffreda, poiché gravemente accusato di aver perpetrato un furto in abitazione nel novembre del 2016. L’uomo, infatti, dopo essersi introdotto in una villetta estiva mediante l’effrazione di una porta-finestra, aveva rotto e asportato le telecamere a circuito chiuso e il relativo hard disk, rubando anche altri beni per un valore complessivo di circa 5000 euro. La visione delle immagini del circuito di videosorveglianza, registrate anche su altra fonte e visionate dai carabinieri, hanno permesso di risalire all’autore del furto. Ciuffreda, dopo le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari.

L’ultimo arresto in ordine di tempo è stato quello del 51enne Sante Della Malva, poiché condannato ad una pena di 11 mesi di carcerazione in quanto giudicato colpevole dei reati di lesioni aggravate e di violazione della sorveglianza speciale, commessi a Vieste nel dicembre del 2013. L’uomo è stato sottoposto alla detezione domiciliare presso la propria abitazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

No Banner to display