Calcio, il Foggia tra mercato e prossima con Avellino

Calcio, il Foggia tra mercato e prossima con Avellino

Foggia – Mentre arriva l’ufficialità che la partita di sabato 3 febbraio tra Foggia e Avellino si giocherà a porte chiuse, si è concluso anche il calciomercato invernale. Ai saluti, tra gli ormai ex rossoneri, ci sono: Fedele che va al Cesena, Sanchez, Lodesani, Coletti e rescissione anche per Cosimo Chiricò. Intanto, in casa Foggia, è arrivato il giovane portiere Nopper. Si era vociferata anche di una possibile cessione di Gerbo al Venezia, ma pare sia stato lo stesso mister Stroppa ad esprimere parere contrario. Intanto è intervenuto, in conferenza, il difensore Michele Camporese. Rispetto alla vittoria contro l’Entella ha affermato: “Quest’ultima vittoria ci dà entusiasmo e nello spogliatoio c’è la volontà di ripeterci anche con l’Avellino. Vogliamo fare una serie di risultati per dare una svolta al campionato. Non ho mai guardato la classifica ma so che dobbiamo fare più punti del girone di andata. Così ci salveremo”. Sulla questione del modulo di gioco ha così risposto: “Con il 3-5-2 stiamo guadagnando autostima e i punti arriveranno. Posso dire che mi trovo bene in questo modulo e anche con i nuovi compagni. Hanno portato positività all’interno del gruppo”. Rispetto alla questione del tabù dello Zaccheria ha detto: “Ci chiediamo come mai fuori casa portiamo il risultato e allo Zaccheria no. Giocare a porte chiuse è una sconfitta per tutti e per noi è penalizzante. Il nostro pubblico ci trasmette adrenalina e siamo più carichi in campo. Tabu Zaccheria? Secondo me è un fattore mentale e adesso abbiamo tutto un girone di ritorno per cambiare direzione”. Infine, è intervenuto così sul periodo difficile in casa Foggia calcio: “La vittoria di sabato l’abbiamo dedicata al patron per cercare di superare questo momento critico. A noi non deve toccare perché dobbiamo pensare a giocare, così come i tifosi devono continuare a tifare e la Società deve risolvere i problemi. Ognuno deve fare il suo e farlo bene”.