Calcio, la vittoria del Foggia sull’Avellino: le pagelle

Calcio, la vittoria del Foggia sull’Avellino: le pagelle

Una città intera, non solo uno stadio vuoto, ha accolto silente e quasi rassegnata la vittoria dei rossoneri. 2-1 è il risultato finale della sfida con l’Avellino. Una rassegnazione sottolineata non solo dai social, ma anche dall’assenza per protesta, in tribuna stampa, di alcuni giornalisti delle testate locali. Sì, perché Foggia non meritava una “punizione” del genere. La decisione di giocare a porte chiuse ha sicuramente rovinato la festa, doverosa, alla squadra. In campo, infatti, si è spesa tantissimo, nonostante gli ultimi minuti di ansia. Il Foggia calcio ha finalmente rotto la maledizione dello Zaccheria ed è tornato a vincere. I tre punti guadagnati sono fondamentali per la classifica. Il tecnico rossonero Stroppa ha affermato: “Anche oggi sembrava che la palla faticasse ad entrare, potevamo far subito gol ma poi siamo andati in svantaggio. Da lì in poi abbiamo lavorato bene, in superiorità numerica abbiamo disputato una buonissima partita, segnando poi un gol bellissimo nella ripresa. Ad oggi saremmo salvi? Vero, ma il campionato non termina oggi. Una dedica particolare va fatta al nostro presidente e anche ai nostri tifosi, che non hanno potuto seguire la gara sugli spalti. Si è sentita la loro assenza, soprattutto nei primi minuti: nonostante i pochi risultati positivi allo Zaccheria, ci danno un supporto notevole che oggi purtroppo non abbiamo avuto”. Ma i tifosi, sia della curva sud sia della nord, non hanno fatto mancare il loro supporto. Infatti, si sono radunati all’esterno dello stadio e hanno intonato i tradizionali cori. Da segnalare il rigore sbagliato di Mazzeo, che ha rimediato subito con un gol, l’espulsione di D’Angelo dell’Avellino e l’ottima prestazione di Duhamel, entrato all’80’ del secondo tempo come un guerriero. Intanto Gerbo ha festeggiato la sua centesima presenza in rossonero. Ora testa al Palermo.
Il Tabellino:
FOGGIA (3-5-2) Guarna; Tonucci, Camporese (15’st Floriano), Loiacono; Gerbo, Agnelli, Greco, Deli (38’st Martinelli), Kragl; Nicastro (38’st Duhamel), Mazzeo.
AVELLINO (4-5-1) Radu; Ngawa, Migliorini, Morero, Marchizza (31’st Moretti); Laverone (9’st Vajushi), De Risio, Di Tacchio, D’Angelo, Molina (14’st Falasco); Asencio.
Arbitro: Di Martino di Teramo.
Marcatori: 11’pt Asencio (A), 35’pt Nicastro (F), 24’st Mazzeo.
Ammoniti: Tonucci (F), Camporese (P), Mazzeo (F), Ngawa (A).
Espulsi: 43’pt D’Angelo (A).
Le pagelle:
Guarna 6,5: nulla può sul gol degli ospiti, si fa trovare pronto su alcuni tiri importanti.
Loiacono 7: ottima la sua prova, non ha sbagliato praticamente quasi nulla.
Tonucci 6,5: un guerriero in difesa, fa sentire la sua prestanza fisica. Un errore nel finale.
Camporese 6,5: qualche sbavatura, poi il giallo, ma nel complesso una buona gara.
Kragl 6,5: buona la sua gara anche se un po altalenante.
Gerbo 7: ottima la sua prestazione, fornisce anche un assist e si è guadagnato il rigore.
Deli 6,5: va vicino al gol colpendo la traversa.
Agnelli 6: tanta grinta, da lui nasce l’azione che porta Mazzeo al gol.
Greco 7: non ha mai perso il controllo della palla anche quando era accerchiato.
Nicastro 7: ha il merito di aver pareggiato la gara.
Mazzeo 6,5: peccato per il rigore sbagliato, ma oltre al gol, ha fatto ottime giocate.
Floriano 6: prestazione energica, anche se non determinante.
Duhamel 7: ottimo esordio, grande forza fisica e tecnica, sfiora un gol.
Martinelli 6: copre abbastanza bene la nostra metà campo.