Cerignola, tre arresti dai carabinieri: evasione e molestie

Cerignola, tre arresti dai carabinieri: evasione e molestie

Cerignola – Tre arresti per vari reati è il risultato di incessanti controlli dei Carabinieri, tra Stornara, Trinitapoli ed il centro ofantino.

Il primo a finire in manette, a Cerignola, è stato Antonio Basile (45 anni), pregiudicato cerignolano. L’uomo, sottoposto agli arresti domiciliari per reati in materia di armi e di traffico di sostanze stupefacenti, è stato sorpreso dai militari dell’Aliquota Radiomobile del Norm all’esterno della propria abitazione, contravvenendo così alle prescrizioni impostegli. Il Basile è dunque stato arrestato e risottoposto agli arresti domiciliari. Risponderà del reato di evasione.

A Trinitapoli, invece, i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, Hope Osebe (28 anni), di origini nigeriane, in Italia senza fissa dimora, con precedenti di polizia. I militari, allertati da alcuni clienti di un esercizio commerciale che lamentavano che l’uomo, nel chiedere l’elemosina, aveva assunto atteggiamenti molesti nei loro confronti, sono immediatamente giunti sul posto e, chiesto all’uomo di allontanarsi, questi ha dapprima minacciato e poi aggredito i militari, che altro non hanno potuto fare che ammanettarlo e, su disposizione del P.M. di turno, rinchiuderlo nel carcere di Foggia.

A Stornara, infine, i militari della locale Stazione, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in aggravamento degli arresti domiciliari a cui era già sottoposto, hanno arrestato Alban Farruku (24 anni). L’uomo nei giorni scorsi era stato arrestato per evasione dai domiciliari, a cui era sottoposto per il reato di stalking. L’A.G., non ritenendo più soddisfatte le esigenze cautelari con la misura dei domiciliari, ne ha disposto la revoca ed il ripristino della misura carceraria.

No Banner to display