Foggia, la provincia costituisce la Consulta per la legalità

Foggia, la provincia costituisce la Consulta per la legalità

Foggia – La Provincia di Foggia costituisce la «Consulta provinciale per la legalità» per promuove la tutela della dignità umana, del territorio e della comunità, lo sviluppo della cultura della legalità e perseguire l’uguaglianza sostanziale dei cittadini, nella direzione di una sempre maggiore giustizia sociale.
La Provincia di Foggia ritiene che i valori e la cultura della legalità sono imprescindibili per una convivenza civile e per lo sviluppo reale e duraturo dell’economia del proprio territorio, ha da sempre un ruolo di stimolo e di coordinamento ed intende costituire la Consulta Provinciale per la Legalità al fine di sostenere le azioni di contrasto messe in atto da altri Enti ed Associazioni alla criminalità organizzata e ai comportamenti mafiosi, ritenendo inoltre indispensabile procedere in un’ottica di rete ed in maniera condivisa.
Possono far parte della Consulta i rappresentanti di: Enti, Fondazioni, Cooperative sociali, Associazioni di volontariato e di Promozione Sociale che operano nel territorio provinciale, siano iscritte ad Albi regionali o nazionali ed abbiamo come obiettivi il contrasto alle mafie o la promozione di una cultura della legalità democratica; Centro Servizi per il Volontariato; Comuni capofila dei sei Ambiti Territoriali, attraverso la nomina di un rappresentante per ciascun Ambito; Università degli Studi di Foggia; Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia; Associazioni di categoria e Organizzazioni sindacali.
Tutti i soggetti devono avere sede legale o operativa sul territorio provinciale.
Ai fini della partecipazione alla Consulta i soggetti interessati indirizzano al Presidente della Provincia di Foggia la propria candidatura indicando il nominativo del proprio rappresentante e di un supplente, come da allegato «A» al presente avviso pubblico.
I rappresentanti designati devono essere in possesso dei seguenti requisiti di onorabilità: a) Non si devono trovare in stato di interdizione temporanea o di sospensione dagli organi o uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese e dai pubblici uffici; b) Non devono essere stati sottoposti a misure di prevenzione disposte dall’autorità giudiziaria ai sensi della Legge 27 dicembre 1956 n.1423 o dalla Legge 31 maggio 1965 n. 575, e ss.mm.ii., salvi gli effetti della riabilitazione; c) Non devono essere state condannate con sentenza irrevocabile ai sensi dell’art.648 del codice di procedura penale, salvi gli effetti della riabilitazione, ad una qualsivoglia sanzione stabilita dal codice penale; d) Non devono aver riportato in Stati esteri condanne penali o altri provvedimenti sanzionatori per fattispecie e durata corrispondenti a quelle che comporterebbero, secondo la legge italiana, la perdita dei requisiti di onorabilità.
Le condizioni di cui sopra devono essere autocertificate per ciascun rappresentante designato ed allegate all’istanza.
L’ Avviso è reso pubblico mediante affissione all’Albo pretorio on-line della Provincia di Foggia e sul sito www.provincia.foggia.it .