Foggia, per il Consiglio di Stato regolare l’aggiudicazione di lavori

Foggia, per il Consiglio di Stato regolare l’aggiudicazione di lavori

Foggia – Il Consiglio di Stato ha attestato la correttezza e la linearità dell’operato del Comune di Foggia, con riferimento alla procedura di aggiudicazione all’Ati composta dalla ditta “Di Pergola” e dalla “Co.Mai. Srl” dei lavori per il completamento del corpo degli uffici della sede comunale dei servizi per lo sviluppo economico presso la Cittadella dell’Economia di viale Fortore.

Il Consiglio di Stato, infatti, ha accolto il ricorso dell’Ati aggiudicataria, ribaltando il pronunciamento del Tar, che aveva considerato fondati i rilievi mossi dalla “Aleasya Costruttori Srl”, collocatasi seconda in graduatoria, ed assegnando a quest’ultima l’aggiudicazione dell’appalto.

L’oggetto della controversia riguardava la cifra in lettere indicante il ribasso percentuale dell’offerta economica dell’Ati “Di Pergola-CO.MAI. Srl”, considerata illeggibile e non genuina. La sentenza del Consiglio di Stato, invece, ha chiarito, confermando quanto emerso dalla perizia calligrafica, che la cifra in lettere corrispondeva a quella numerica, sancendo così la legittimità dell’operato della Commissione giudicatrice.

“Spero che gli agitatori di dietrologie e sospetti – dichiara il sindaco Franco Landella – comprendano, alla luce dell’esito di questa vicenda, l’opportunità di evitare comportamenti a metà tra la calunnia ed il terrorismo mediatico. Non soltanto perché si tratta di un atteggiamento tutt’altro che corretto, ma anche per non correre il rischio di essere sistematicamente smentiti dalla giustizia amministrativa”.