Isole Tremiti, si rinnova lo “spauracchio” delle trivellazioni

Isole Tremiti, si rinnova lo “spauracchio” delle trivellazioni

ISOLE TREMITI – Torna a destare preoccupazione la questione inerente le trivellazioni al largo delle Isole Tremiti. «La notizia del decreto rilasciato dal Direttore generale per la Sicurezza dell’approvvigionamento e le infrastrutture energetiche, che autorizza il permesso di ricerca per idrocarburi nel mare Adriatico richiesto ancora una volta dalla società Petroceltic è sconcertante», afferma Giannicola De Leonardis, Presidente del Gruppo Movimento Schittulli-Area popolare. Con decreto del 22 dicembre 2015, infatti, la Petroceltic Italia ha ottenuto l’autorizzazione alla ricerca di idrocarburi – fino al 2021 – nei fondali del Mare Adriatico tra l’Abruzzo e il Molise, a largo delle Isole Tremiti, Termoli e Vasto.
A nulla sembra essere valso il referendum promosso dalla Puglia e dalle regioni interessate per ribadire la ferma e decisa volontà dei territori e dei cittadini, prima ancora che delle amministrazioni ed enti locali, di preservare e difendere un patrimonio di valore inestimabile. «A meno di auspicabili smentite, chiarimenti e correzioni, sembra di essere tornati al punto di partenza, a un passato che speravamo fosse finalmente e positivamente archiviato, e a un nuovo scontro istituzionale», conclude De Leonardis.